MI PRESENTO

Sono un’imprenditrice, socia di Vitakraft Italia, nata a Roma 43 anni fa e mamma di due figli di 19 e 12 anni.

 

Devo molto alla mia famiglia. Dalla nonna paterna ho imparato l’affettuosità e la dedizione per il nucleo familiare, mentre da mia madre ho ereditato il mio essere innovativa e un po’ del suo estro artistico. Da mio padre, che è il mio esempio, ho appreso lo spirito di sacrificio, la determinazione e l’attaccamento alla propria terra.

 

Ho vissuto molti anni all’estero, dove ho studiato e lavorato, ma ho deciso di tornare in Umbria perché amo il mio Paese e per collaborare ai vari progetti imprenditoriali che abbiamo sul territorio.

 

Dopo la laurea in Relazioni Internazionali, ho conseguito un dottorato in Internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese. Nel 2008 sono stata visiting student presso la Columbia University di New York per una specializzazione in International Trade e nel 2009 ho completato il master in Studi Diplomatici.

Parlo correntemente l’inglese, il russo, il francese e lo spagnolo e ho svolto un tirocinio al Ministero degli Affari esteri. Sono stata consulente all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) di Parigi e ho collaborato alla redazione di una pubblicazione sulle politiche per l’innovazione nella Federazione Russa.

 

Ho anche collaborato con l’Università degli Studi di Perugia per lo sviluppo delle relazioni con la Russia e sono stata la prima italiana assunta dall’Università di Finanza a Mosca per la docenza di Business Strategy.

 

Sono stata vicepresidente della sezione di Perugia di Confindustria Umbria e membro del Comitato d’Indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Ho fondato e sono presidente di UMBRE, una rete d’impresa fra cinque giovani colleghe che va a promuovere il nostro meraviglioso territorio e che coniuga imprenditorialità, alta formazione e turismo.

 

Nel tempo libero mi piace fare passeggiate, fare sport all’aria aperta, seguire il calcio, la pallavolo e il tiro al volo, passioni che mi ha trasmesso mio padre. Amo anche la danza, il cinema e adoro viaggiare con i miei figli.

LE MIE IDEE PER L’UMBRIA

L’UMBRIA CON IL CUORE

SVILUPPO ECONOMICO, IMPRESA E LAVORO, OPPORTUNITA’ EUROPEE

 

In Umbria (dati Istat) la disoccupazione nel primo trimestre 2019 ha toccato quota 10.4% fenomeno ancora più allarmante quello relativo alla disoccupazione giovanile, passata dal 30,8 % del 2017 al 31,1% del 2018. I dati della Camera di Commercio di Perugia contribuiscono a delineare una situazione drammatica: le iscrizioni di nuove imprese non sono mai andate così male come negli ultimi 5 anni, peraltro sono cresciute in maniera significativa le chiusure.

Il livello del reddito regionale deve tornare a crescere, dobbiamo creare opportunità per i giovani e puntare ad un’occupazione stabile favorendo gli investimenti economici nel nostro territorio.

Snellire la burocrazia e semplificare il rapporto con gli Enti. Puntare su innovazione, formazione, digitalizzazione, sostenibilità e la valorizzazione del capitale umano.

INFRASTRUTTURE

 

L’isolamento stradale e infrastrutturale che le giunte di sinistra hanno voluto ed ottenuto negli ultimi quasi 50 anni di malgoverno ha penalizzato cittadini, imprese e turismo.

Definire un piano regionale dei trasporti che punti alla valorizzazione della rete ferroviaria centrale umbra e delle principali arterie stradali. Collegamenti ferroviari veloci con le principali città italiane come fatto dal Sindaco Romizi nella città di Perugia con il treno Frecciarossa per Milano.

Si ad una riqualificazione della E45, categorico no al pedaggio.

Sviluppo dell’Aeroporto, puntando su una sinergia investimento pubblico e investimento privato al fine di collegare l’Umbria con almeno due scali europei che possano riqualificare il turismo della nostra Regione.

TURISMO E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO

 

Valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze.

L’Umbria è caratterizzata da borghi fra i più belli d’Italia e produzioni enogastronomiche di eccellenza che occorre promuovere con professionalità investendo sulla formazione all’accoglienza, l’acquisizione di competenze, programmi di digitalizzazione ma anche la ricerca di standard qualitativamente più elevati.

Miglioramento nella capacità di spesa dei fondi comunitari e rilancio dell’immagine della nostra Regione potranno generare un indotto economico rilevante che si tradurrà in occupazione, sviluppo e aumento dei servizi.

FAMIGLIA, POLITICHE SOCIALI E SPORT

 

La famiglia naturale è il luogo dove tutto inizia, dove si forma la nostra personalità, si creano le nostre sicurezze e la nostra identità.

Attraverso una specifica Legge Regionale istituiremo programmi a sostegno della natalità, la maternità ed iniziative che consentano alle donne di lavorare e prendersi cura della famiglia.

Creazione di un piano regionale organico che istituisca un sostegno concreto per portatori di handicap e per le loro famiglie concertato con le associazioni. Inoltre, assicurare un Piano di tutela degli animali da compagnia attraverso la lotta al randagismo e all’abbandono con l’applicazione di microchip a cani e gatti non ancora iscritti all’anagrafe.

Sostegno alle attività sportive professionistiche, dilettantistiche e giovanili. Favorire l’intervento dell’amministrazione regionale alla programmazione diretta di interventi di impiantistica sportiva per il potenziamento delle strutture esistenti e la realizzazione di nuove strutture destinate a fini sociali, ricreativi e di natura agonistica e dilettantistica.

SALUTE E SISTEMA SANITARIO REGIONALE

 

Amministrazione chiara e trasparente della sanità pubblica.

Riduzione dei tempi di attesa per gli esami diagnostici ampliando gli orari di apertura delle strutture e creazione di un centro di acquisti unificato per eliminare sprechi ed aumentare il livello dei servizi.

POLITICHE AGRICOLE E CACCIA

 

Potenziamento dello sviluppo agricolo tramite un utilizzo organico e programmatico delle risorse comunitarie. NO categorico all’Imu su terreni e fabbricati agricoli. Rimodulazione e programmazione di un PSR che possa favorire l’imprenditoria giovanile, il rispetto dei terreni e dia un sostegno maggiore alle zone svantaggiate. Maggiorazione quote gasolio agricolo. Garanzia di liquidazione in tempi brevi per le aziende agricole che sono risultate idonee nei bandi delle diverse misure regionali.

Qualificare l’attività venatoria e l’incremento del patrimonio faunistico attraverso la salvaguardia dell’ambiente: la caccia è uno strumento utile alla tutela della biodiversità.  L’equilibrio tra l’ambiente e l’uomo con le sue attività tradizionali è la premessa per una vera sostenibilità.

meloni300.fw_-1

COME VOTARMI

LINK UTILI